Moderni per Tradizione Mappa del Sito  |  Ricerca      
Home Page Banco Azzoaglio
Home Page La Banca Le Agenzie Prodotti Risparmio Servizi On Line Notizie Contatti
NOTIZIE
Notizie Locali
Alba
Cairo
Ceva
Monregalese
Azzoaglio
Risparmio Gestito


A L B A 

L U N E D Ì   2 0   F E B B R A I O   2 0 1 7 Torna all'Elenco Notizie

DAI SINDACI DEL TAVOLO AUTONOMIE UN APPELLO AI CANDIDATI DEL TERRITORIO

Il 4 marzo si avvicina rapidamente. Insieme con la campagna elettorale procede spedita anche l’attività di chi affida ai futuri amministratori nazionali indicazioni precise per quanto riguarda le criticità e i problemi cha maggiormente condizionano il comprensorio albese e braidese.
In questa direzione, giovedì 15 febbraio, l’associazione “Langhe Roero, Tavolo delle Autonomie per il Territorio” ha presentato il documento che descrive le principali problematiche locali. Un elenco di urgenze e priorità che sarà affidato ai candidati alle imminenti elezioni politiche.
L’intento, ovviamente, è quello di fare lobby nel tentativo di ottenere a livello politico l’aiuto necessario per dare soluzione ad alcune tematiche particolarmente importanti e sentite.
La presentazione è stata aperta dagli interventi dei rappresentanti di Alba e di Bra, Luigi Garassino e Pietro Ferrero, ed è poi proseguita attraverso gli interventi dei sindaci di Cortemilia Roberto Bodrito, di Santo Stefano Belbo Luigi Icardi, di Novello Roberto Passone e di Guarene Franco Artusio. Hanno poi preso la parola gli avvocati Roberto Ponzio e Gian Carlo Bongioanni sui temi della giustizia, l’imprenditore monfortese Alberto Ribezzo, in veste di portavoce dell’Unione Industriale di Cuneo, e Mario Viazzi, presidente di Confagricoltura per la zona di Alba. L’intervento finale, a sintesi degli argomenti affrontati, è stato del presidente dell’Associazione Commercianti albesi Giuliano Viglione.
Tra gli argomenti ritenuti di particolare rilevanza dal Tavolo delle Autonomie occorre sottolineare le carenze infrastrutturali che penalizzano il territorio sia sul versante del tuttora incerto futuro dell'Asti-Cuneo, sia per quanto riguarda il perfezionamento dei collegamenti con Torino e il ripristino della tratta in direzione Asti. Gli esponenti del Comitato di presidenza hanno poi elencato gli altri nodi compresi nel documento: la situazione dei piccoli Comuni dell'Alta Langa, la valorizzazione dei borghi caratteristici, il divario digitale, il dissesto idrogeologico del territorio penalizzato dai costi di smaltimento del materiale proveniente dalla pulizia degli alvei e, in generale, da una materia ancora oggi regolamentata da un Regio Decreto del 1924.
Successivamente si è parlato di sicurezza, di strumenti e strategie per il controllo del territorio, della necessità di dare risposte alle carenze del ruolo svolto dall'ente provinciale ancora carico di oneri, ma povero di onori (con cui provvedere a 3.250 chilometri di strade, 1.400 ponti e 70 scuole).
Forte, infine, la richiesta di intervenire a favore delle imprese, anche quelle agricole, attraverso la riduzione degli adempimenti burocratici e amministrativi.

Beppe Malò

Il Corriere di Alba

 


Notizie del Giorno: Martedě 20 Febbraio 2018 20 FEBBRAIO 2017
Alba
- DAI SINDACI DEL TAVOLO AUTONOMIE UN APPELLO AI CANDIDATI DEL TERRITORIO

ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO
Ceva

- CORTEMILIA ADDIO AL MEDICO DELLA VALLE BORMIDA

© 2001 BANCO AZZOAGLIO