Moderni per Tradizione Mappa del Sito  |  Ricerca      
Home Page Banco Azzoaglio
Home Page La Banca Le Agenzie Prodotti Risparmio Servizi On Line Notizie Contatti
NOTIZIE
Notizie Locali
Alba
Cairo
Ceva
Monregalese
Azzoaglio
Risparmio Gestito


A L B A 

M A R T E D Ì   1 7   O T T O B R E   2 0 1 7 Torna all'Elenco Notizie

NELLE PROMESSE DI DELRIO MANCANO 120 MILIONI DELLE OPERE ACCESSORIE

Oggi, lunedì 16 ottobre, negli uffici torinesi della Regione Piemonte, si svolgerà un incontro forse determinante per quanto riguarda la viabilità di collegamento al nuovo ospedale.
Il sindaco Marello, la collega braidese Bruna Sibille, il presidente provinciale Federico Borgna e quello dell’Assemblea dei Sindaci dell’Asl Cn2 Davide Adriano incontreranno il governatore del Piemonte Sergio Chiamparino e l’assessore ai Trasporti Francesco Balocco. L’ordine del giorno sarà l’analisi della situazione della Strada Provinciale 7 a meno di un anno dalla consegna del cantiere di Verduno.
«Si tratta – spiega l’albese Marello – di un argomento assolutamen­te prioritario alla luce delle perduranti difficoltà e pericolosità della strada e delle novità attinenti il cantiere dell’ospedale, che procede, e l’inizio dei lavori di realizzazione della strada di collegamento».
A livello regionale la delegazione andrà a riprendere il discorso interrotto venerdì 8 ottobre all’uscita dal Teatro Sociale. Quando il ministro Delrio lasciò il palco con un tartufo e il pubblico con la promessa di 150 milioni di opere dell’A33 pronte a partire entro l’estate.
A Torino si parlerà quindi dei fondi destinati, in base alle carte del 2012, a finanziare i cantieri delle cosiddette “opere accessorie” al nuovo nosocomio: circa 120 milioni destinati all’adeguamento della tangenziale albese, alla messa in sicurezza della Sp7, alla costruzione del terzo ponte sul Tanaro e i primi tratti di “corda molle” ad Alba.
Cosa chiederete a Chiamparino e Balocco?
«Chiederemo che la Regione si attivi nel reperimento di fondi per la messa in sicurezza della Provinciale su cui dovrà transitare il traffico da e per il nuovo ospedale».
Che fine hanno fatto le risorse promesse nel 2012?
«Si tratta di risorse che saranno oggetto di una nuova negoziazione. Posso però dire che non ci saranno problemi per quanto riguarda l’aggiornamento della tangenziale di Alba. E non dovranno essercene nemmeno per la Alba-Roddi-Verduno».
Nel frattempo però ci si potrebbe domandare quali siano i pensieri di Gavio. Imbuto insidioso dove tutta le promesse, le speranze e i buoni propositi potrebbero incastrarsi.
Il commento del capogruppo di Forza Italia in Consiglio Carlo Bo riassume bene queste perplessità.
«Spero – sottolinea – che i sindaci possano fare la giusta pressione sulla Regione e ottenere risorse importanti. Se così non fosse, chiedo a tutti i sindaci dei Comuni attraversati dalla Sp7 di diffidare l’Asl dalla messa in funzione del nuovo ospedale se questo sarà ultimato prima della messa in sicurezza della strada. I rischi, allo stato attuale, sono eccessivi».
Beppe Malò

Il Corriere di Alba

 


17 OTTOBRE 2017
Alba
- CIMICE ASIATICA FLAGELLO DA ARGINARE TECNICI AL LAVORO SULLE CONTROMISURE

- NELLE PROMESSE DI DELRIO MANCANO 120 MILIONI DELLE OPERE ACCESSORIE

- VACCINAZIONI: RICHIAMI ASL VANNO A SBATTERE SUL MURO DELLE FAMIGLIE «NO VAX»

- «QUATTRO PARCHEGGI DI SCAMBIO PER RISOLVERE I PROBLEMI DEL TRAFFICO»

ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO
Notizie Locali

- VENDEMMIA: PARLA L’ESPERTO

- PASTA ITALIANA, POCHE TUTELE

- LA PASSIONE DELL’ORTO PER 6 ITALIANI SU 10

- LA CINA È VICINA (E LA UE CE LA PROPINA)
Ceva

- CASTIGLIONE FALLETTO TROVATE LE SPOGLIE DI ACEFALO

- NEIVE REGOLAMENTO VIETA SPUTI SU SUOLO PUBBLICO

- DIANO D’ALBA VA AVANTI IL PROGETTO “LANGA DEL SOLE”

- LA MORRA UNA LEZIONE TRA I FILARI DI VITE

© 2001 BANCO AZZOAGLIO