Moderni per Tradizione Mappa del Sito  |  Ricerca      
Home Page Banco Azzoaglio
Home Page La Banca Le Agenzie Prodotti Risparmio Servizi On Line Notizie Contatti
NOTIZIE
Notizie Locali
Alba
Cairo
Ceva
Monregalese
Azzoaglio
Risparmio Gestito


A L B A 

M A R T E D Ì   2 0   F E B B R A I O   2 0 1 8 Torna all'Elenco Notizie

ROMA ANNUNCIA IL VIA LIBERA DELL’UE AL «CROSS FINANCING» DADONE «NULLA DI DECISO»

Anche l’Asti-Cuneo è entrata ufficialmente in campagna elettorale. Lo ha fatto nella scorsa settimana, complice l’annuncio da parte del Ministero delle Infastrutture e Trasporti (Mit) – subito rilanciato da un ampio schieramento Pd-Forza Italia e contestato a stretto giro dal M5S – di un decisivo passo in avanti verso il completamento dell’opera registrato in quel di Bruxelles, dove la Commissione Europea avrebbe finalmente concesso l’attesa approvazione al progetto di “cross financing” cui è collegato lo sblocco di lavori fermi ormai dal 2012.
Il documento, presentato nei mesi scorsi dallo stesso dicastero, è quello che contempla la previsione di investimenti strutturali per 8,5 miliardi di euro e nello specifico caso cuneese l’impegno del Gruppo Gavio a realizzare i 9 km mancanti del lotto II.6 “Cherasco-Cantina Roddi” (nulla continua a dirsi del lotto II.5, l’attraversamento di Alba) a fronte di una proroga di quattro anni della concessione che la sua controllata Satap vanta sulla A4 Torino-Milano.
Come è noto, delle tre ipotizzate nei mesi scorsi dal Mit, la soluzione progettuale prescelta abbandona la precedente ipotesi del doppio tunnel da realizzarsi sotto la collina di Verduno (già prevista dall’accordo tra enti stilato nel 2012, per una spesa preventivata in 700 milioni di euro) e sposa invece la meno costosa soluzione (300 milioni) di una tratta realizzata interamente in superficie, con fine lavori prevista entro il 2020.
La notizia del via libera di Bruxelles è stata rilanciata e salutata con soddisfazione dai deputati Pd Mino Taricco e Chiara Gribaudo, che rivendicano il risultato del lavoro di squadra di «noi parlamentari del territorio, in collaborazione con gli enti locali, la Regione e l’assessore Balocco (candidato per il Pd alle imminenti Politiche) e il Ministero»: «Finalmente, dopo anni di parole, il territorio potrà avere il tanto atteso collegamento che rende utilizzabile questo importante snodo stradale la cui realizzazione attendiamo da decenni e che già nel 2012 avrebbe dovuto essere operativo».
«L’Europa è stata di parola. Ora il Governo faccia la sua parte», commentava al contempo l’eurodeputato albese Alberto Cirio, a sua volta rivendicando l’impegno speso in sede comunitaria: «Mi era stato garantito che l’approvazione definitiva da parte della Commissione europea sarebbe arrivata entro febbraio e così è stato». Cirio ricordava anche poi come la possibilità di far partire i lavori già nel 2018 gli fosse stata anticipata a inizio gennaio da Gert Jan Koopman, vicedirettore della Direzione generale Concorrenza della Commissione Ue, che ha in mano il dossier italiano.
A frenare gli entusiasmi di esponenti Pd e Forza Italia è invece la monregalese Fabiana Dadone. «Al momento nessuna decisione formale è stata presa» spiega la deputata uscente e nuova candidata al Parlamento per il M5S citando alla lettera le parole con cui la commissaria Ue alla Concorrenza Margrete Vestagher avrebbe risposto alla richiesta di chiarimenti avanzatale dall’europarlamentare e compagna di partito Tiziana Beghin.
Una smentita che offre la stura per un deciso attacco agli avversari politici: «Merita un plauso pubblico il risultato raggiunto dalla politica cuneese di maggioranza (tutti insieme appassionatamente tranne che il M5S) sull’A33 perché dopo 20 e rotti anni il massimo risultato che centrodestra e centrosinistra riescono a presentare ai cittadini è un via libera “informale” di Bruxelles a 20 giorni dalle elezioni… . Da una politica di corale governo simbiotico negli ultimi 20 anni, a ogni livello, avrei preteso un titolo d’effetto tipo: “A33 l’autostrada finita!” oppure “A33 lavori in corso”. Invece nulla. Solo un via libera “informale” da Bruxelles! Poi via libera a cosa? Non certo alla costruzione. Via libera ad allungare la concessione a Gavio gratis per avere in cambio quei lavori che Gavio avrebbe già dovuto realizzare per contratto ma non ha fatto perché lo Stato era inadempiente a sua volta».
Ezio Massucco

Il Corriere di Alba

 


20 FEBBRAIO 2018 Notizie del Giorno: Lunedì 20 Febbraio 2017
Alba
- OBBLIGO DI VACCINAZIONE, ANCORA 188 ALUNNI IRREGOLARI

- MOLLO PREMIA I DIPENDENTI E PREPARA NUOVE APERTURE

- ROMA ANNUNCIA IL VIA LIBERA DELL’UE AL «CROSS FINANCING» DADONE «NULLA DI DECISO»

ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO
Notizie Locali

- BARBERA: UN «BRAND» TURISTICO

- ECCO GLI AGRICHEF PIEMONTESI

- I "TAROCCHI” AFFOSSANO IL NOSTRO GRANA PADANO

- «NO» ALL’ACCORDO MERCOSUR SULLA CARNE
Ceva

- NARZOLE PROGETTO PER L’AREA SPORTIVA

- DOGLIANI FIORI E CURE: COSÌ RIVIVE L’ANTICO BORGO CASTELLO

- DIANO D’ALBA CARNEVALE SEMPLICE MA PIENO DI GIOIA

© 2001 BANCO AZZOAGLIO